Dark Light

Il settore delle criptovalute è settore che ogni settimana ci regala news e nell’ultimo periodo per chi ci ha investito soldi anche qualche preoccupazione ma oggi parleremo di tre scenari futuri per le criptovalute.

Definizione di criptovaluta

Con il termine criptovalutacriptomoneta ci si riferisce a una rappresentazione digitale di valore basata sulla crittografia.

Una criptovaluta è una moneta digitale che, a differenza delle monete tradizionali, non esiste in forma fisica e non è controllata né gestita da nessuna autorità centrale. Le informazioni sulle transazioni in criptovaluta sono memorizzate in un registro digitale decentralizzato, basato tipicamente sulla tecnologia blockchain.

Tre scenari futuri

Le criptovalute non solo stanno decentralizzando il panorama della finanza, ma sono anche destinate a cambiare il modo in cui andremo ad utilizzare Internet:

  • Browser Brave e BAT;
  • Decentralizzare l’internet delle cose;
  • La finanza decentralizzata (DeFi);
Tre scenari futuri - schema
Foto di Bitpanda

Browser Brave e BAT

Ad oggi le aziende traggono enormi profitti dai dati degli utenti tracciandone i movimento online. Gli inserzionisti pagano queste aziende per avere accesso ai loro tracker. Questo permette loro di inviare annunci pubblicitari agli utenti.

Nei sistemi attuali, gli utenti sono il prodotto. L’obiettivo, in futuro, sarà cambiare la situazione. Invece di obbligare gli utenti a visualizzare le pubblicità online senza la possibilità di rifiutarlo, in futuro sarà l’utente che facoltativamente deciderà di visualizzare o meno gli annunci pubblicitari grazie al progetto blockchain chiamato Brave browser, che Bitpanda ha illustrato nel dettaglio nel loro articolo sulle DApp.

Se sceglieremo di visualizzare annunci pubblicitari orientati alle nostre preferenze, potremo anche scegliere di essere pagati per farlo, grazie al Basic Attention Token (BAT) di Brave, un Token ERC20 che ci verrà accreditato direttamente in un portafoglio di criptovaluta in-browser. La cosa interessante è che se anche andremo a visualizzare gli annunci secondo le nostre preferenze, potremo comunque bloccare tutti i tracker dei siti grazie a una funzionalità in-browser. Pertanto, la visualizzazione degli annunci pubblicitari di Brave non esporranno mai il nostro indirizzo IP o le nostre informazioni personali a terzi.

Decentralizzare l’internet delle cose

Siamo appena entrati nel 2023 ma orami è qualche anno che i dispositivi intelligenti sono diventati popolari, chi a casa non ha qualche dispositivo smart come telecamere o prese smart?

Gli esperti stimano che vi saranno almeno 50 miliardi di dispositivi intelligenti in uso, tutti connessi a Internet. È molto interessante pensare per un attimo alla quantità di dati che oggetti di uso quotidiano come il nostro smartwatch, smartphone o persino il nostro termometro intelligente hanno già su di noi.

Come detto prima, anche in questo contesto noi utenti siamo un prodotto per le aziende di Internet che offrono “servizi gratuiti”, siamo un prodotto anche per le aziende che producono i nostri dispositivi intelligenti.

Con "servizi gratuiti" voglio ricordare a tutti che gratuitamente non ci danno niente, con il recupero delle informazioni, vendendole ad società terze vanno a guadagnarci

La quantità di dati che le aziende raccolgono su di noi è quindi di una quantità enorme. Tutti i dispositivi intelligenti utilizzati inviano dati a un’area di Internet M2M (machine-to-machine) chiamata Internet delle cose. Tali dati vengono spesso venduti direttamente agli inserzionisti per ottenere un notevole profitto, proprio come fa Google e aziende simili con i nostri dati di navigazione.

Di conseguenza, proprio come siamo un prodotto per le aziende di Internet che offrono “servizi gratuiti”, siamo un prodotto anche per le aziende che producono i nostri dispositivi intelligenti.

La finanza decentralizzata (DeFi)

Foto di stevepb

In linea con l’idea generale di decentralizzare la finanza, i token DeFi, attualmente, sono la strada per cambiare le carte in tavola, potenzialmente portando un impatto enorme sul modo in cui risparmiamo, prendiamo in prestito, vendiamo e prestiamo denaro. 

La nascita della tecnologia blockchain è stata la risposta alla mancanza di trasparenza e al senso di tradimento all’indomani di quella crisi, basta pensare alla crisi finanziaria del 2008.

Tutto nasce con Satoshi Nakamoto, quando ritenne che i sistemi finanziari tradizionali fossero intrinsecamente difettosi e ideò un sistema di denaro elettronico trustless e immutabile, basato sul consenso in una rete peer-to-peer, creando Bitcoin

Oggi le applicazioni finanziarie decentralizzate (DeFi) che girano su reti blockchain pubbliche stanno portando i servizi finanziari decentralizzati a un livello superiore. L’intenzione è quella di ridurre ulteriormente la necessità di intermediari come banche e altre istituzioni finanziarie, oltre a diminuire il rischio di controparte e i costi di valutazione del rischio.

La maggior parte delle applicazioni DeFi si basa sulle funzioni dei contratti intelligenti nella rete Ethereum. I termini dell’accordo tra risparmiatori, mutuatari, venditori e prestatori sono trasparenti, accessibili ed eseguiti automaticamente in base ai termini e alle condizioni stipulati in un contratto. La DeFi consente un’elaborazione rapida delle transazioni e di solito riduce significativamente i costi delle transazioni.  

Tre scenari futuri: conclusioni

Foto di iAmMrRob

Come potrebbe cambiare davvero la privacy online?

In un futuro guidato da strumenti come Brave a tanti altri potrebbe ridurre notevolmente la raccolta di dati attraverso le pubblicità. L’utilizzo dei dati relativi alla pubblicità sarebbe finalmente trasparente per l’utente.
Inoltre, le grandi aziende tecnologiche che dominano il mercato globale potrebbero essere costrette a cambiare i loro modelli di business rivoluzionando anche il settore stesso. 

Potete approfondire l’argomento presso la lezione apposita fornita da Bitpanda.


Per consulenze informatiche come scelta PC, dispositivi Apple, scelta di prodotti software e tanto altro potete contattarmi a info@lorenzomalferrari.com oppure usando il modulo nella pagina dei contatti.

Crediti:

  • Immagine di copertina creata con Canva;
  • Immagini prese da Pixabay;
Related Posts