Dark Light

Maserati fa il suo rientro in pista e torna nel mondo delle corse, annunciando il suo debutto nel mondiale di Formula E, a partire dalla stagione 2023. Si tratta della competizione per monoposto elettriche, dove già numerosi costruttori sono presenti. E perchè non sognare anche un futuro ritorno in Formula 1?

L’azienda emiliana ha confermato, come primo marchio italiano, il debutto nel campionato mondiale ABB FIA Formula E a partire dalla stagione 2023. A dare l’annuncio è stato il Ceo, Davide Grasso, con Alejandro Agag, fondatore e presidente della competizione.

La nuova monoposto elettrica apparterrà alla terza generazione e sarà caratterizzata da una serie di innovazioni progettuali, produttive e tecnologiche. La Gen3 si presenta come “l’auto da corsa più efficiente al mondo”.

Le Origini

Il marchio fu fondato da Rodolfo Maserati a Bologna nel 1914, un dipendente delle Ferrovie dello Stato, sua moglie e i loro figli che ereditarono tutti la passione del padre per la velocità e l’ingegneria di precisione.

Vecchio modello maserati - frontale

L’Inizio delle Corse

Nel primo dopoguerra, Alfieri Maserati diede inizio alla sua attività come corridore agonistico: iniziò a correre con le vetture Isotta Fraschini e ottenne numerosi titoli in gare di notevole importanza per l’epoca come il Mugello, l’Aosta-Gran San Bernardo e la Susa-Moncenisio.

Il Tridente

Logo

Apparve per la prima volta il simbolo del Tridente sulla Tipo 26, la prima automobile interamente Maserati che fu fabbricata nel 1926.
Il simbolo, un tridente stilizzato fu disegnato da Mario Maserati, ispirandosi alla fontana del Nettuno di Bologna, l’unico dei fratelli che alle automobili aveva preferito la carriera artistica.

Motorsport: Il Debutto

La Tipo 26, guidata da Alfieri Maserati, prese parte alla Targa Florio nel 1926 e conquistò il primo posto nella classe fino a 1,5 litri. La prima vittoria ufficiale nei Grand Prix risale al GP di Tripoli 1927 con Ernesto Maserati. Trionfi storici anche quelli nella 1000 km di Buenos Aires e del Nürburgring.

Trasferimento: Da Bologna a Modena

Negli Anni ’30 iniziò una nuova fase imprenditoriale: il 1 maggio 1937 Adolfo Orsi, imprenditore modenese, acquista l’azienda dai fratelli Maserati. Il 1° settembre del 1939 l’azienda si trasferisce ufficialmente da Bologna a Modena negli stabilimenti di viale Ciro Menotti, 322.

Salone di Ginevra

Nel 1947 la A6 1500 viene presentata al Salone di Ginevra. Disegnata da Pininfarina, la vettura prende il nome da Alfieri e dal numero di cilindri. È la prima Maserati destinata all’uso quotidiano piuttosto che alle competizioni, ed è un enorme successo.

Foto interni macchina

Formula 1

La Maserati ha partecipato con una propria scuderia al Campionato mondiale di Formula 1 dalla prima edizione del 1950 a quella del 1960.

Nella sua avventura in F1 la Maserati ha vinto 9 Gran Premi e due titoli mondiali piloti con Juan Manuel Fangio nel 1954 e 1957.

Maserati Formula 1 con Juan Manuel Fangio

Addio alle Gare

Nello stesso 1957 una serie di difficoltà finanziarie costrinsero la casa al ritiro ufficiale dalle competizioni: l’ultima apparizione in versione monoposto nella classe regina del motorsport fu nel 1958 con Maria Teresa De Filippis con la prima donna a qualificarsi per un Gran Premio a bordo di una 250F.

Ghibli

Nel 1966 il primo modello disegnato da Giorgetto Giugiaro, presentato al Salone dell’Automobile di Torino.

Auto Maserati Ghibli
Ultimo modello

Una Maserati per il Presidente

Negli anni ’80 il presidente della Repubblica Italiana, Sandro Pertini, sceglie la Quattroporte III come auto presidenziale.

Fusione con Ferrari

Nel 1993 si realizza una cosa impensabile: due rivali storici, il Tridente e il Cavallino Rampante uniscono le proprie forze. Si arriva così alla 3200 GT del 1998, una coupé disegnata da Giugiaro con motore Ferrari, presentata al Salone di Parigi. Da questa auto prende vita anche la Spider, il modello che segnerà il ritorno di Maserati negli Stati Uniti.

Ritorno alle Corse

L’esperienza più recente nelle corse è quella nel Campionato FIA GT, dal 2004 al 2010. In quel periodo, l’inedita MC12 riuscì a vincere 22 gare (compresi 3 successi nella 24 Ore di Spa), e a conquistare 14 titoli nei campionati Costruttori, Piloti e Team.

Maserati Corse 2006
Con questa Gara il Team Vitaphone conquista il Mondiale Team FIA GT con una gara di anticipo.

Centenario

Tanti gli eventi per i 100 anni del Tridente, nel 2014. La Ferrari ha organizzato presso il proprio Museo la mostra: “Maserati 100 – A Century of Pure Italian Luxury Sports Cars”, ma l’intero anno è stato segnato da numerose iniziative, festeggiamenti ed eventi.

Centenario Maserati a Bologna in piazza

L’elettrificazione

Il marchio del Tridente è entrato nell’era dell’elettrificazione con i primi modelli ibridi, come la Ghibli e la Levante Hybrid, ma il passo avanti arriverà nei prossimi anni, con tutti i nuovi modelli disponibili anche in versione 100% elettrica. Si tratta di Grecale, GranTurismo ed anche per la super sportiva MC20.

Foto Maserati MC20

Oggi: Formula E

Un ritorno in pista, quello che verrà concretizzato nel 2023, che rinnova l’anima agonistica che è parte integrante del DNA Maserati, caratterizzato da sempre da uno spirito di pura competizione. Le monoposto Gen3 disporranno, a differenza delle attuali, di due motori elettrici, uno anteriore da 250 kW (solo per la frenata rigenerativa) e uno posteriore da 350 kW, e dunque combinandoli sarà possibile ottenere recupero di energia fino a 600 kW.

Immagino che voi non vediate l’ora di vederla in pista, augurandoci che possa vincere qualcosa di importante.

Crediti

  • Immagine di copertina estratta dalla presentazione della vettura;
  • Le altre immagini presenti sono state prese da Pixabay, mad4wheels o dalla stessa azienda